Spazio Soci
tab Spazio soci new
 
Spazio Soci
tab Spazio soci new
 
box visibile prima dell'accesso

Spazio Soci

Gentile Socia e Socio,

qui di seguito puoi accedere alla Tua area riservata: uno spazio in continua evoluzione e sviluppo dedicato in esclusiva ai Soci di BCC del Garda. Ti invitiamo pertanto a visitarlo per fruire di tutti i servizi offerti dalla Tua BCC: informazioni di servizio, informazioni di prodotto e l'archivio con tutta la documentazione relativa ai dati della Banca.

Per accedere è necessario inserire nella casella “Username”:

  • il codice fiscale per le persone fisiche;
  • la partita IVA o il codice fiscale (qualora non si abbia partita IVA) per le imprese;
Nella casella “Password” per il primo accesso dovrai invece inserire la parola: Assemblea2017
Una volta entrati nell’area riservata Ti sarà richiesto di modificare subito la password (solo al primo accesso).

Per qualsiasi necessità potrai contattare l’Ufficio Relazioni con i Soci ai seguenti numeri telefonici: 030.9654391 oppure 030.9654285, oppure potrai mandare una email al seguente indirizzo: uff.comunicazione@garda.bcc.it.

 

 
02/04/2008 BCC Garda
Nasce l’Orto in Condotta a Padenghe sul Garda
Nasce l’Orto in Condotta a Padenghe sul Garda
A fine marzo sono stati siglati i Protocolli d’intesa per il sostegno e la realizzazione dell’iniziativa ideata da Slow Food e sostenuta dalla BCC del Garda

ORTO IN CONDOTTA

Nella foto: al centro il Presidente Alessandro Azzi con il Segretario Nazionale di Slow Food Silvio Barbero, a sinistra il sindaco del Comune di Padenghe Giancarlo Allegri a destra, accanto al Presidente Azzi, il Vice Direttore Generale Claudio Barbaglia e il Vice Presidente Alberto Allegri.
 
“Otto in condotta” “No, grazie preferiamo l’Orto: fa meglio alla salute ed è più divertente” commenterebbero così gli insegnanti e i bambini delle scuole elementari di Padenghe, scherzando un poco sulla nuova attività promossa da Slow Food. Il progetto educativo di Slow Food nasce con la finalità di educare i bambini allo sviluppo della sfera sensoriale, facendo loro comprendere l’importanza dei prodotti alimentari come parte integrante della cultura delle società, e sarà proprio la Scuola primaria della cittadina lacustre a cimentarsi in questa nuova attività.
Infatti, grazie all’iniziativa del Comune di Padenghe, della Direzione Didattica di Manerba e della BCC del Garda, Slow Food è riuscita a far partire questo interessante progetto nella Scuola elementare di Padenghe.
A Montichiari, presso la sede della Banca di Credito Cooperativa del Garda, è stato firmato il Protocollo d’intesa per il sostegno dell’Orto in Condotta. La convenzione è stata sottoscritta da Alessandro Azzi, Presidente della Bcc del Garda e di Federcasse, Silvio Barbero, Segretario nazionale di Slow Food Italia e Ivan Spazzini, fiduciario della Condotta Slow Food Morene del Garda.
Quello di Padenghe sul Garda è il secondo Orto in Condotta attivato nella provincia di Brescia, oltre a quello del capoluogo. Tuttavia, è la prima iniziativa di questo genere sostenuta dal punto di vista economico da una Banca. “In Italia – ha detto Silvio Barbero, Segretario Nazionale di Slow Food, durante la firma dell’accordo – abbiamo già 120 orti. Si tratta di un progetto teorico e pratico, grazie al quale vogliamo promuovere un diverso modello di stile alimentare, quindi di vita. In sostanza noi collaboriamo con gli insegnanti affinché questi riescano a proporre ai bambini un modo diverso di rapportarsi con il cibo, quindi con l’ambiente. Tra le attività che proponiamo anche la creazione di un orto così che i bambini possano mangiare la verdura che essi stessi producono. Orto in condotta insomma è un piccolo passo verso la nuova generazione capace di legare il concetto di alimentazione a quello della salute.” L’Orto in Condotta si rifà ai tre principi cardine della filosofia dell’associazione: buono, pulito e giusto. Buono, perché attraverso i laboratori di analisi sensoriale allena ragazzi e genitori a distinguere i cibi sulla base della qualità organolettica, per imparare a richiedere e monitorare anche la qualità delle mense. Pulito, perché i ragazzi imparano a utilizzare metodi produttivi biologici e biodinamici, a ricercare e salvaguardare i semi di varietà orticole della tradizione locale, a considerare come prioritaria la riduzione delle miglia alimentari ricercando cibo del territorio. Giusto, perché promuove la trasmissione dei saperi fra generazioni, valorizzando il ruolo sociale di persone anziane e volontari e la collaborazione fra realtà diverse, attraverso il gemellaggio anche con il Sud del Mondo.
Alessandro Azzi, presidente di BCC del Garda, commentando l’iniziativa ha affermato: “Il progetto presentato da Slow Food ci è subito apparso particolarmente coerente con le prerogative delle Banche di Credito Cooperativo ed è per tale motivo che Federcasse, a livello nazionale, ha sottoscritto all’inizio dell’anno un accordo quadro per la collaborazione di tutte le BCC a sostegno di questo progetto educativo. Le colture e le tradizioni enogastronomiche tipiche rivestono una rilevante importanza economica e culturale del nostro territorio, il loro sostegno e la loro diffusione rientrano nella missione di tutte le BCC e della nostra Banca in particolare. Personalmente ritengo che aderire a questa iniziativa specifica per la BCC del Garda sia la conferma di una condotta coerente con il suo ruolo e la sua finalità  di promozione di un modello di sviluppo attento alle tipicità e ai tratti distintivi della nostra comunità.
 
Mobile bottom