Spazio Soci
tab Spazio soci new
 
Spazio Soci
tab Spazio soci new
 
box visibile prima dell'accesso

Spazio Soci

Gentile Socia e Socio,

qui di seguito puoi accedere alla Tua area riservata: uno spazio in continua evoluzione e sviluppo dedicato in esclusiva ai Soci di BCC del Garda. Ti invitiamo pertanto a visitarlo per fruire di tutti i servizi offerti dalla Tua BCC: informazioni di servizio, informazioni di prodotto e l'archivio con tutta la documentazione relativa ai dati della Banca.

Per accedere è necessario inserire nella casella “Username”:

  • il codice fiscale per le persone fisiche;
  • la partita IVA o il codice fiscale (qualora non si abbia partita IVA) per le imprese;
Nella casella “Password” per il primo accesso dovrai invece inserire la parola: Assemblea2017
Una volta entrati nell’area riservata Ti sarà richiesto di modificare subito la password (solo al primo accesso).

Per qualsiasi necessità potrai contattare l’Ufficio Relazioni con i Soci ai seguenti numeri telefonici: 030.9654391 oppure 030.9654285, oppure potrai mandare una email al seguente indirizzo: uff.comunicazione@garda.bcc.it.

 

 
14/02/2017 Da Federcasse
Verso "M'illumino di meno" 2017. Si consolidano i finanziamenti "green" del Credito Cooperativo per la promozione di fonti da energie rinnovabili
La crescita responsabile e sostenibile del territorio nella quale le BCC operano, e quindi la riduzione dell’impatto ambientale, è un impegno scritto nell’art. 2 dello Statuto di ciascuna Banca di Credito Cooperativo e Cassa Rurale. Tra le finalità di una banca di comunità vi è - difatti - quella di promuovere “la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera”. Una sottolineatura che il Credito Cooperativo italiano intende enfatizzare nel percorso di avvicinamento alla prossima “Giornata del risparmio energetico” che si terrà il 24 febbraio, sostenuta dalla trasmissione radiofonica “Caterpillar”.

Il tema dei cambiamenti climatici è ormai entrato a pieno titolo nell’agenda delle istituzioni finanziarie. Solo pochi giorni fa il Vice Direttore Generale della Banca d’Italia Luigi Federico Signorini, in occasione della presentazione del Rapporto dell’Istituto centrale sul dialogo italiano per lo sviluppo sostenibile, affermava: «Abbiamo abbastanza prove che i rischi legati al cambiamento climatico e al dissesto idrogeologico rappresentano un pericolo non solo per il territorio ma anche per la stabilità finanziaria. Inondazioni e frane hanno infatti un costo in termini sociali ed economici che i mercati tendono ancora a sottostimare».

Le BCC sono, tra le banche, quelle che da tempo hanno sviluppato, per la loro particolare vicinanza ai territori, una particolare attenzione alla tutela dell’ambiente. Alcuni dati: grazie all’intesa con Legambiente (nel periodo 2006-2015) le BCC hanno potuto finanziare a tasso agevolato (con istruttoria tecnica della stessa Legambiente) 5.697 progetti per energie rinnovabili (a favore di famiglie e imprese), per un totale di 268 milioni di euro di investimenti.

Nel complesso, sono oltre 480 i milioni di euro che il Credito Cooperativo ha complessivamente destinato negli ultimi anni al finanziamento per la produzione di energia da fonti di energia rinnovabile ed alternativa nelle comunità.

Roma, 13 febbraio 2017
Mobile bottom